L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

domenica 10 ottobre 2010

Per Sarah Scazzi si seguì la pista dei romeni


Su Sarah Scazzi si voleva perfino indagare sulla badante romena , la badante della nonna di Sara.

Molti giornali, dopo 10 giorni dalla scomparsa di Sarah, scrivevano sulla badante romena e di un suo coinvolgimento.

Ecco cosa scrivevano i vari Giornali sulla povera badante

-da italia-news.it
Sospetti e dubbi riguardo alla donna romena e sul fratello che nel mese di agosto avrebbe trascorso un breve periodo ad Avetrana per poi ritornare in Romania. Ma la donna si difende e dice che lei e il fratello sono venuti in Italia per lavorare e non per rubare persone. A distanza di tre settimane dalla sua scomparsa è ancora tutto avvolto dal mistero e Sarah sembra essere svanita nel nulla.


-invece su socialpost.info il 17 settembre 2010 si scrive
--------
Sarah Scazzi: sospettata la badante rumena
Ed è proprio sulla badante rumena che si stanno concentrando i sospetti. Ma la donna si difende: “Io non ho paura. Non c’entro niente“.

Ciò che fa puntare gli occhi sulla donna dell’est è il fatto che questa avrebbe passato un breve periodo ad Avetrana, proprio ad agosto, per poi ripartire per la Romania.

“Io e mio fratello siamo qui per lavorare, non per rubare o sequestrare persone!” – ha continuato la badante, piuttosto offesa dalle accuse – “i vostri sospetti sono assurdi!”.
-----

Molti e molti giornali parlavano della banda dei romeni oppure di immigrati che potessere aver rapito la povera Sara. Invece il delinquente era in famiglia ed era suo zio


Condividi

Nessun commento:

Posta un commento

Ultimi post