L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

venerdì 15 febbraio 2008

Cassazione: le nozze non salvano dall’espulsione

Annullata l’assoluzione a un clandestino che si sposò a sei mesi dall’ordine di allontanamento del questore. Per la Suprema Corte il matrimonio non rientra tra i motivi di "discriminazione razziale" tali da giustificare l’inottemperanza all’ordine
Le nozze non salvano il clandestino dall’espulsione intimata dal questore. Lo sottolinea la Cassazione che ha annullato l’assoluzione accordata a un clandestino, che era stato raggiunto dall’ordine di allontanamento del questore di Rimini, sulla base del fatto che sei mesi dopo si era sposato. Per la Suprema Corte, che ha accolto il ricorso della Procura di Bergamo, il matrimonio non rientra tra i motivi di "discriminazione razziale", legati ad esempio alla razza e al sesso, tali da giustificare l’inottemperanza all’ordine di allontanamento del questore.

Di diverso avviso era stato il Tribunale di Bergamo che, nel febbraio 2007, aveva assolto il clandestino sulla base del fatto che, quasi a distanza di sei mesi, si era "effettivamente sposato". Contro questa decisione si è opposto con successo in Cassazione il pm di Bergamo che ha evidenziato come non potesse essere applicata l’"esimente speciale" considerato anche "il lasso di tempo intercorso tra la notifica dell’ordine di allontanamento e la celebrazione del matrimonio".

La Prima sezione penale, accogliendo il ricorso della Procura, ha ricordato che "mentre il pericolo di persecuzione per motivi di razza, di sesso, di lingua di cittadinanza, di religione, di opinioni politiche o di condizioni personali o sociali preclude l’espulsione o il respingimento dello straniero", la stessa "efficacia paralizzante è negata, in linea di principio, alle esigenze che caratterizzano" casi simili a quello trattato nella sentenza in questione.

Spiega ancora piazza Cavour nella sentenza 6605 che, nel "ragionevole bilanciamento di valori", il legislatore "mirando a rendere effettivo il provvedimento di esplusione, persegue l’obiettivo di rimuovere situazione di illiceità o di pericolo correlate alla presenza dello straniero nel territorio dello Stato, nella cornice del più generale potere di regolare la materia dell’immigrazione".

Ora la Corte d’appello di Brescia dovrà riesaminare il caso "tenuto conto del significativo lasso di tempo intercorso" tra l’ordine di allontantanamento dal Paese del calndestino e l’effettivo matrimonio.

Fonte: Adnkronos
Condividi

Permessi di soggiorno - Avvio nuova procedura in 223 comuni

Saranno per primi i comuni di Ravenna, Ancona, Lecce, Brescia, Padova, Firenze, Prato, il consorzio di Portogruaro - che raccoglie 17 comuni - e la provincia di Trento - con in tutto 223 comuni - a sperimentare la nuova procedura per il rinnovo dei permessi di soggiorno. Cosi’ come scritto nella direttiva del Ministro dell’Interno Giuliano Amato del 5 febbraio scorso, questi comuni si sostituiranno a Poste Italiane e affiancheranno le Questure nel rinnovo dei permessi dei cittadini extracomunitari. Lo afferma una nota del Viminale in cui si riferisce che stamane il sottosegretario all’Interno Marcella Lucidi, con il Capo Dipartimento Liberta’ Civili e immigrazione, Prefetto Mario Morcone, e il Direttore Centrale dell’immigrazione e della polizia delle frontiere presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Prefetto Angela Pria, ha incontrato il vice presidente dell’Anci, Fabio Sturani e una rappresentanza dei comuni coinvolti per definire le modalita’ e i tempi della sperimentazione. L’Anci, prosegue il comunicato, condivide l’obiettivo del Viminale di trasferire le competenze dei rinnovi dei permessi di soggiorno ai Comuni. Si e’ inoltre costituito un gruppo tecnico, presso il Ministero dell’Interno, che seguira’ tutte le fasi di avvio della sperimentazione.

Fonte: Repubblica.it
Condividi

Ultimi post