L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

mercoledì 25 maggio 2011

Adrian Ichim: "Io, unico romeno eletto consigliere"

Ha conquistato un seggio a Ciriè, vicino Torino, alle ultime amministrative. “Candidato con chi era più attento agli immigrati. Con me ha vinto tutta la comunità”

Roma – 25 maggio 2011 - "E’ una vittoria dei romeni in Italia", dice l’unico cittadino romeno, su una sessantina di candidati in tutta Italia, eletto in un consiglio comunale alle ultime amministrative.

Adrian Ichim, di Ciriè, venti chilometri da Torino, ha portato a casa 67 voti, piazzandosi al terzo posto in una lista civica che sosteneva Francesco Brizio, candidato PD eletto con il 57% dei voti al primo turno. Dice che la sua scelta non è stata dettata da considerazioni ideologiche, ma dall’attenzione mostrata dalla sinistra locale alle problematiche dei rumeni e degli immigrati in generale.

Quarantadue anni, sposato con due figli, Ichim è originario di Bacau, nord est della Romania. Laureato ingegneria elettrica, ha lavorato come ingegnere di reti elettriche, poi nel ‘94 è venuto in Italia. Ora lavora come tecnico per una società tedesca con sede a Moncalieri.

Visto che nessun altro candidato romeno in queste elezioni ha vinto, il neoconsigliere si sente onorato e contento, perché grazie a lui “il fallimento” della comunità non è stato totale. “E’ una vittoria di tutti i miei compatrioti che vivono in Italia. Ho sempre sostenuto che dobbiamo essere uniti qui, siamo lontani da casa e dobbiamo partecipare alla vita politica qui, perché qui viviamo e lavoriamo.”

Nei mesi scorsi, Ichim ha parlato con tantissimi romeni, e ha cercato di far capire loro che hanno bisogno di partecipare anche alla vita politica italiana. Cosa farà in Consiglio Comunale? "Io non voglio promettere nulla ora, come non ho promesso nulla in campagna elettorale. So però che i romeni hanno bisogno di informazioni, di partecipare alla vita politica e culturale della città”.

Andi Radiu

http://www.stranieriinitalia.it/attualita-adrian_ichim_io_unico_romeno_eletto_consigliere_13118.html
Condividi

Il ministro Finanze greco: "Nel mese di luglio Falliremo" e la gente si riversa nelle banche

Sono bastati 5 minuti per far allarmare i grecie e farli riversare nelle banche per prelevare il loro soldi.


Dopo che sulle tv greche è apparsa l'intervista del ministro delle finanze greco il quale diceva "Nel mese di luglio falliremo se non arivano i soldi " .
Sono bastati 5 minuti per far allarmare la gente e farli riversare nelle banche per prelevare il loro soldi
I media greci dicono che l'allarme è rientrato ma oramai la paura ha invaso la Grecia.

Atene attende il resto dei soldi del pacchetto di salvataggio dall Unione europea e il Fondo monetario internazionale. Se non si raggiungeranno i 12 miliardi di euro, la Grecia a fallirà , sono queste le parole dell ministro greco della finanza Giorgios Papakonstantinu in TV: Se il denaro non arriva fino alla fine di luglio, ci inchineremo, il governo non avrà più la possibilità di pagare.

Nel frattempo, i greci si sono affrettati a prelevare i loro soldi dalle banche e portarli in banche straniere , ma non nel paese, ma all'estero.

Nelle banche estere i greci hanno depositato 31 miliardi di euro.
I media greci dicono che l'allarme è rientrato ma la gente è ancora spaventata
Condividi

Ultimi post