L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

lunedì 15 dicembre 2008

La proposta della Lega: 2mila euro a chi se va..

Un assessore della Lega nord ha lanciato una provocazione di dare 2000 euro.

Secondo la sua tesi si dovrebbe far fronte alla crisi mondiale che sta colpendo anche l'Italia.

E una provocazione senza senso perché purtroppo per ridurre l'immigrazione bisogna mettersi d'accordo con tutta l'Europa.

Se la Germania ha una popolazione di 90 milioni di abitanti e tanti stranieri,la Francia anche l'Italia è costretta da paese civile qual 'è ospitare e dare un futuro a chi lo vuole.

L'Italia senza immigrati equivale ad un suicidio.

Le altre potenze europee hanno tanti immigrati ma fanno anche inserimenti sociali utili per loro e anche per la comunità.
Condividi

Se il clandestino pulisce casa al ministro

Scandalo negli Usa. La villa del titolare dell’Homeland Security era curata da immigrati irregolari

Roma – 12 dicembre 2008 - Immaginate Roberto Maroni che affida la sua casa a una colf senza permesso di soggiorno? Negli U.S.A., “the place where all things are possible”, è successo qualcosa di molto simile.


La pulizia della villa a Washington D.C. di Michael Chertoff, il ministro statunitense per la Sicurezza nazionale, è stata curata negli ultimi tre anni da una ditta che impiegava una decina di irregolari. La cosa buffa è che a scoprirlo sono stati proprio gli investigatori di un’agenzia dell’Homeland Security, sguinzagliati a caccia di clandestini.


“La ditta di pulizie aveva assicurato ai Chertoff che tutti i lavoratori erano in regola” si è affrettato a spiegare il portavoce del ministro. “A me avevano fatto vedere dei documenti, che ne potevo sapere che erano falsi?” si è giustificato il titolare, James Reid, rilanciando: “Dovrebbe essere proprio l’ Homeland Security a evitare che accadano cose simili”.


Possibile che i clandestini abbiano ingannato il loro datore di lavoro e di conseguenza anche il ministro, straordinario che siano riusciti a sfuggire all’occhio lungo dei servizi segreti. A casa del titolare dell’Homeland Security non entra nemmeno un alito di vento senza l’ok dell’ Intelligence Service, ma a quanto pare gli 007 si sono preoccupati solo di verificare che i lavoratori non fossero pericolosi terroristi, senza badare al permesso di soggiorno.


Di sicuro, passeranno alla Storia le parole pronunciate dallo stesso Chertoff il 23 ottobre scorso. In un discorso sull’immigrazione, il ministro lanciò un appello: “Dobbiamo esser certi che casa nostra sia a posto”. Parlava degli Usa in generale o della villa a Washington D.C.?

Elvio Pasca


fonte http://www.stranieriinitalia.it/attualita-se_il_clandestino_pulisce_casa_al_ministro_6733.html
Condividi

Ultimi post