L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

giovedì 23 giugno 2011

Razzismo in Russia: a Roberto Carlos gli tirano le banane


Banana in campo a Roberto Carlos, lui dice addio


Giovedi 23 Giugno 2011 ore 20:08
Serie A e B
«Spero che l´uomo che mi ha lanciato quella banana non metta mai più piede in uno stadio». Ma, ironia della sorte, lo stesso destino potrebbe toccare a lui. Perchè Roberto Carlos ne ha abbastanza di subire e forse smetterà di giocare. Difficile per il difensore brasiliano metabolizzare l´amarezza di quel gesto razzista che, mercoledì sera, l´ha visto incolpevole vittima nei minuti finali di una partita a Samara (Russia, regione del Volga) tra la sua squadra, l´Anzhi Makhachkala, e la formazione locale. E non per la prima volta. Nel marzo scorso un sedicente tifoso, a San Pietroburgo, gli aveva agitato davanti alla faccia lo stesso frutto, prima dell´inizio della partita tra il Makhachkala e lo Zenit, allenato da Luciano Spalletti. Roberto Carlos - 38 anni, ex di Inter e Real Madrid - ha lasciato il campo visibilmente sconvolto, andandosi a sedere in panchina, il volto coperto da un asciugano per nascondere le lacrime di rabbia e frustrazione. Un dolore profondo, che gli ha tolto la voglia di continuare a fare il suo mestiere, come ha confessato al quotidiano Sport Express: «Sono indignato dal comportamento di questo personaggio, che non ha offeso solo me, ma tutti quelli che erano in campo. Mi ha tolto la voglia di giocare. Spero che la Federcalcio russa, la Uefa e la Fifa valutino con la giusta severità quello che è successo. Gesti del genere, nei Paesi civili, non vengono tollerati». «Non è stato un atto d´impulso ma consapevole e premeditato - ha sottolineato ancora il brasiliano -. Sono uscito perchè fosse data la giusta attenzione a quello che è successo e perchè siano prese le misure necessarie: i tifosi devono andare allo stadio per divertirsi, ma rispettando i giocatori». Sergei Fursenko, presidente della Federcalcio russa, ha promesso la mano pesante: «Risolveremo questo problema e puniremo severamente i colpevoli, dobbiamo lottare contro il razzismo con azioni decise». Il club di Samara ha presentato le sue scuse, promettendo di «fare tutto il possibile per trovare e punire il mascalzone che ha insultato questo calciatore meraviglioso e rispettato». La polizia ha peraltro giudicato improbabile che l´autore del gesto possa essere perseguito. «Cerchiamo di identificarlo, spinti dall´indignazione della società, ma nessuna responsabilità legale è contemplata per lancio di banane o altri oggetti sul terreno», ha ammesso un portavoce. L´episodio ricorda quanto accaduto a Mario Balotelli, però fuori dal campo. Nel giugno 2009 l´ex interista si trovava a Roma, zona Ponte Milvio, quando fu contestato da un gruppo di tifosi della Roma: sfottò e cori, conditi dal lancio di due banane. Come Roberto Carlos, lasciando il terreno di gioco, aveva reagito l´ivoriano Marc Zoro, durante un Messina-Inter del novembre 2005. E mentre fischi ed insulti piovevano dagli spalti, lui s´era pure portato via il pallone. Solo l´intervento di Martins e Adriano era riuscito a calmarlo.
Stampa Versione stampabile

ansa.it
Condividi

Ultimi post