L'ITALIA VISTA DAGLI STRANIERI..

sabato 12 gennaio 2008

Istat immigrazione Immigrati 2008 in Italia

Albania 375.947
Marocco 343.228
Romania 342.200
Cina 144.885
Ucraina 120.070
Filippine 101.337
Tunisia 88.932
Macedonia 74.162
Polonia 72.457
India 69.504
Ecuador 68.880
Perù 66.506
Egitto 65.667
Serbia e Montenegro 64.411
Senegal 59.857
Sri Lanka 56.745
+ altri paesi in minima parte


TOTALE 2.938.922


dati del 1 gennaio 2007 e publicati a ottobre 2007
Condividi

Ann Venemann unicef

Ann Venemann parla con un bambino sdraiato in un letto di ospedale.

Il direttore esecutivo dell'UNICEF Ann Veneman ha appena concluso una visita di tre giorni ad Haiti, il paese con il più alto tasso di mortalità infantile e materna dell'emisfero occidentale. Dopo il suo arrivo, ha rilasciato una breve intervista ai reporter, prima di incontrarsi con i rappresentanti del governo.

Ann Veneman rilascia un intervista ufficiale.

Parla Veneman
"Stiamo vedendo in che modo l'UNICEF può lavorare in questo paese, e soprattutto come può collaborare con le autorità locali e le ONG per migliorare la situazione dei bambini."

Due auto accompagnano Ann Veneman nella prima tappa della sua visita. Viene inquadrata l'entrata del centro per ragazzi. Ann Veneman incontra i bambini. Immagini di alcuni bambini ospiti del centro.

La Veneman ha visitato diversi progetti seguiti dall'UNICEF. La sua prima visita è stata presso un rifugio per bambini di strada, molto vulnerabili a violenze e abusi. Più di 300 ragazzi e 75 ragazze ricevono servizi di base, come cibo, assistenza sanitaria e istruzione.

Ann Veneman discute con alcuni ragazzi ospiti del centro. Yonel Joan racconta la sua storia. Poi lo si vede intento a seguire il corso da elettricista.

Yonel Jean di 16 anni, è orfana, e sta seguendo un corso da elettricista. Quello che impara lo aiuterà a mantenersi da solo ed evitare di finire in strada.

La Veneman viene accompagnata a far visita all'ospedale. Immagini di alcuni bambini vittime della malnutrizione. Alcuni bambini riuniti in una grande sala ascoltano Ann Veneman. Primo Piano di un bambino.

L'altra visita è stata presso l'ospedale CHOSCAL dove ogni mese si curano circa 3000 bambini per malnutrizione. Non lontano da qui c'è un programma seguito dall'AVSI, un partner dell'UNICEF, che fornisce un supporto psicologico ai bambini che hanno subito violenze, una realtà fino troppo comune per i bambini che vivono in Cite du Soleil, una delle zone più pericolose di Haiti.


Viene inquadrata l'entrata della Casa Arcobaleno. Alcuni bambini si trovano davanti all'entrata. Ann Veneman visita una parte dell'edificio dove ci sono dei bambini ricoverati.

La situazione dei bambini affetti da HIV/AIDS viene seguita alla "Casa Arcobaleno", un residence dove vengono ospitati 36 bambini resi orfani dall'HIV/AIDS.

Ann Veneman discute con alcuni medici dell'ospedale tra cui il Dott. Walton, da dieci anni impegnato in questo progetto.

Il problema dell'HIV/AIDS è un problema all'ordine del giorno al Zanmi Lasantè, un ospedale con due sale operatorie. Il Dott. David Walton ha potuto constatare i grandi progressi che si sono fatti negli ultimi dieci anni in cui ha lavorato a questo progetto.

Parla
Dott.Walton
"Senza questi programmi, sarebbero condannati a morte. Crescono, ma sono malnutriti. Spesso non riescono neanche a raggiungere i cinque anni. Qui si cerca di permettere loro di crescere, di avere una possibilità di ricevere un istruzione e di tornare per dare il loro apporto alla comunità. Questo è incredibile, in questo modo si fa la differenza sia a livello locale che nazionale."

Tre bambini davanti a una casa diroccata. Un bambino gioca con un'altalena.

Con oltre il 60% della popolazione di Haiti che non ha accesso ai servizi sanitari di base, ogni piccolo aiuto dato a questo programma aiuta a dare speranza ai bambini di questo paese

Condividi

Ultimi post